loading

Content

Simon Hofer, Berna

Irresistibile tenerezza

È innegabile: i cuccioli dei mammiferi suscitano tenerezza e meraviglia. Questo vale anche per i piccoli di specie molto a rischio o addirittura estinte.

Scomparsa: la lontra


Originariamente la lontra viveva sulle rive di quasi tutti i corsi d’acqua svizzeri. Cacciata per molti anni in maniera intensiva, si è estinta in Svizzera durante la metà del secolo scorso. Il requisito per un suo ritorno da territori confinanti o una sua ripopolazione è una rinaturazione efficace dei corsi d’acqua, soprattutto nell’Altipiano.




Maggiori informazioni sulla lontra sono disponibili presso il nostro partner WWF Svizzera qui.

Estremamente discreta: la lince


La lince è stata riportata in Svizzera nel 1971. Questi animali possono sopravvivere anche in paesaggi fortemente antropizzati, perché sono estremamente discreti. Lo stanziamento di una popolazione stabile di linci ha potuto verificarsi soprattutto sul versante nordoccidentale delle Alpi e nel Giura. Alla Svizzera è affidata grande responsabilità per la conservazione di questa specie nell’area alpina.




Maggiori informazioni sulla lince sono disponibili presso il nostro partner WWF Svizzera qui.

Capace di adattarsi: il lupo


Dal momento che le sue prede naturali venivano cacciate dall’uomo, il lupo fu costretto a nutrirsi di animali da allevamento, il che ha portato alla sua persecuzione e, verso la fine del XIX secolo, alla sua scomparsa dalla Svizzera. Dal 1995, però, lupi provenienti dall’Italia e dalla Francia sono tornati a migrare regolarmente in Svizzera, mentre dal 2012 sono state registrate ogni anno nuove cucciolate sul versante grigionese del Calanda.




Maggiori informazioni sul lupo sono disponibili presso il nostro partner WWF Svizzera qui.

Desideroso di tornare: l’orso

A quasi cent’anni dalla sua scomparsa, dal 2005 quasi ogni estate un orso bruno vaga per le vallate alpine della Svizzera. Gli animali provengono dal punto di incontro delle tre frontiere di Austria, Italia e Slovenia. Spesso la loro presenza non viene affatto notata, perché gli orsi tendono a vivere senza farsi notare. La caccia e la perdita del proprio habitat avevano portato questa specie, un tempo molto diffusa, sull’orlo della scomparsa.




Maggiori informazioni sull’orso sono disponibili presso il nostro partner WWF Svizzera qui.

Jürg Freudiger

In primo piano

Il designer bernese Simon Hofer ha disegnato i cuccioli, calcando volutamente la mano sull’effetto simpatia. L’animale si trova in primo piano, mentre gli sfondi monocromatici ne rafforzano la visibilità.

Simon Hofer, nato il 9 luglio 1975, è ideatore e disegnatore. Creatività e spiccata sensibilità per idee e progetti nuovi e straordinari caratterizzano la sua personalità. È stato direttore artistico di grandi agenzie bernesi e dal 2008 è direttore creativo della sua azienda, la SIMONHOFER Creative GmbH di Berna: simonhofer.ch