loading

Content

Barbara Seiler, Glis

Gettare ponti

Da 75 anni l’Aiuto Svizzero alla Montagna è fautore di un ambiente economico, naturale e sociale per la popolazione montana del nostro paese. Il francobollo speciale emesso in occasione di questo anniversario simboleggia la solidarietà e il ponte gettato tra città e aree montane.

Gli abitanti delle montagne svizzere devono poter trovare un futuro anche lì, dove sono nati: è questa l’ambizione dell’Aiuto Svizzero alla Montagna. L’organizzazione, indipendente dal punto di vista politico e aconfessionale, è stata fondata nel 1943 e si finanzia esclusivamente mediante donazioni.


Il suo obiettivo è far sì che la popolazione montana possa vivere in un ambiente economico, naturale e sociale sicuro. Dietro questo pensiero si cela la convinzione che solo le aree montane vitali possano costituire uno spazio in cui vivere e una patria culturale e, al contempo, offrire esperienze all’aria aperta e relax.L’Aiuto Svizzero alla Montagna sostiene i progetti e le iniziative più disparati, offrendo così un’efficace supporto all’autoaiuto. In casi di emergenza, offre 
un’assistenza rapida e senza vincoli burocratici. 


L’illustrazione del francobollo commemorativo simboleggia la solidarietà della città nei confronti delle aree montane e rappresenta dunque un ponte tra questi due mondi e la strada per una convivenza partecipe.

Jürg Freudiger